35:Atalanta-Genoa

Tutti al mare

Autore: 
mashiro

La salvezza matematicamente raggiunta con la sconfitta del Chievo in casa della Lupa manda definitivamente in ferie il Genoa.

I proclami battaglieri per tenere alto il ritmo e la concentrazione lasciano spazio a un Genoa poco concentrato e poco motivato che nulla può contro l'Atalanta di Gasperini ancora in corsa per l'Europa.

Ballardini parte con la difesa obbligata visti gli infortuni: Biraschi, Rossettini e Zukanovic.

Il centrale ex Toro soffre la velocità del giovane Barrow e soprattutto si conferma poco adatto a fare il centrale della 3 con qualche responsabilità di troppo sui goal di Barrow e di Cristante.

Lazovic al solito insipido esterno di destra, alterna cose buone ad altre meno convincenti, dall'altra parte pessima la partita di Migliore che si dimostra ancora una volta poco adatto alla categoria.

Difficile giudicare la partita di Bessa messo in crisi dalla squadra e dal compagno di fascia che non lo ha sicuramente aiutato; Bertolacci riproposto davanti alla difesa fatica nella prima frazione di gioco, meglio nella seconda parte rimesso nel suo ruolo naturale di mezzala.

Ottima la partita dello svedese Hijliemark migliore dei nostri, solito trattore instancabile che si propone sempre in avanti con una certa qualità.

Davanti molto generoso Lapadula, nella prima frazione non molto ben servito mentre nella ripresa con la maggiore qualità della squadra qualche pallone in più arriva ma non riesce ad incidere continuando in una stagione che è a dir poco stregata.

Qualche guizzo anche per Medeiros, parte molto bene con una conclusione che impensierisce Berisha a inizio partita e poi fatica ad illuminarsi dovendo giocare spesso con molto campo davanti.

Ballardini dopo un primo tempo disastroso in cui l'Atalanta mette il Genoa alle corde cambia tutto: dentro Pandev e Veloso per Migliore e Bessa, disegnando un 4-3-3 molto offensivo; la ripresa è una nuova musica con un Genoa molto propositivo che si fa vedere diverse volte dalle parti di Berisha; è però una magia di Ilicic a chiudere l'incontro 3-0 mitigato dal gran goal su punizione di Veloso.

Gioca 40 minuti discreti il buon Pepito Rossi che entra al posto di Medeiros a inizio ripresa, al solito parecchio sfortunato: gli fischiano un rigore e per la seconda volta, giustamente per altro, non glielo fanno battere.

Il ragazzo ha bisogno di una evidente iniezione di fiducia e di mettere su minuti, il talento c'è la gamba lo vedremo.

Le ultime 3 di campionato serviranno per dare minuti a Rossi, vedere ancora El Yamiq e Medeiros in vista della prossima stagione, difficile che tocchi a Ballardini guidare i rossoblù il prossimo anno per cui non credo vedremo grosse cose a livello tattico anche se il 4-3-3 della ripresa sembrerebbe interessante da rivedere e da riproporre.

Sicuramente serviranno per ribadire con ritrovato vigore che chi ama il Genoa odia Preziosi.