IN B I NAZISCALIGERI VIVA IL BALLA

Autore: 
tidon grifo

Nel dramma che ci avvolge, nel pericolo di nuove malversazioni di Preziosi, dato che ormai siamo ostaggio di un delinquente che potrebbe chiamare un pinco-palla plusvalenzatore qualsiasi al posto di zio Balla, arriva in questo caldo lunedì pre-estivo a marassi il Verona.
Verona che tradizionalmente per il fatto di avere tifosi nazisti e razzisti, provenienti dal cuore oscuro del veneto nazi-clericale, non è mai stato particolarmente simpatico a noi genoani.
La speranza è che il Genoa non sia deconcentrato e non soffra l’agonismo del Verona che è all’ultima spiaggia.
Stasera il Balla presenta affiancato a Lapadula Medeiros e ripresenta Lazovic all’ala, col ritorno di Laxalt.
La partita è piacevole visto che le due squadre giocano con grandi aperture, il Verona deve vincere e noi di conseguenza troviamo ampi spazi.
All’inizio subiamo la paura della volontà degli scaligeri che subito sfiorano il gol e lo mancano per un soffio.
Ma subito dopo segniamo con Medeiros, un gol molto bello, voluto, con un tiro dal limite dell’area calibrato nell’angolo.
Dopo di che la partita veleggia verso colpi e contraccolpi ma fondamentalmente creiamo di più noi.
Lapadula sembra atleticamente rinvigorito ma in area se stoppa bene poi tira male, se si smarca bene non stoppa e quando tira di prima colpisce l’avversario.
Lazovic non è propositivo, con qualche difficile intesa con lo svedese sulla fascia destra.
Sulla sinistra invece Laxalt sembra molto propositivo, con qualche bella chiusura anche nella fase difensiva.
Comincia il secondo tempo e il Verona sembra aumentare la carica agonistica.
Si porta spesso sulla nostra tre quarti ma poi non affonda.
Noi negli spazi penetriamo spesso in area ma senza stoccate risolutrici.
Senonché un tiro nella nostra area viene deviato da un braccio dello svedese.
Rigore e pareggio.
C’è scoramento, perché un pari non salverebbe il Verona ma non sarebbe piacevole per noi.
E’ cosi mentre restiamo in bilico sull’orlo della beffa il Verona comunque favorisce le nostre ripartenze.
Lapadula precedentemente aveva un po’ litigato con la palla mentre cercava la conclusione, ma su un cross di Lazovic riesce ad arpionarla, lo svedese rimette al centro e Bessa segna.
Bessa che era entrato al posto di Cofie, un Cofie a volte un po in affanno nell’inseguimento ma che aveva fatto la sua onesta partita.
In seguito entreranno Pandev e Pepito Rossi.
E sarà proprio Pandev a chiudere il discorso nel recupero con un gol fantastico di pallonetto a scavetto in corsa.
Pandev che ritorna ad essere il Maradona di Macedonia.
Si chiude in bellezza dunque e sigilliamo i veronesi in B.
Alla fine fa passerella anche Pepito Rossi che ancora deve ritrovare la forma.
Adesso tutti i riflettori sono puntati sull’orrore che ci attende per le decisioni di Preziosi, per il suo progetto che ha di nuovo riaffermato, per la sua volontà di veder soffrire i tifosi del Genoa da qui all’eternità.
Riusciremo mai a liberarci da quest’incubo, da questa peste presidenziale, da quest’orrore che ci impedisce di dormire sereni?
Ci sta provando anche la guardia di finanza a fermarlo ma non ci riuscirà.
Cosa accadrà dunque?
E Ballardini cosa deve aspettarsi da un simile personaggio ?

Commenti

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo stile preferito per la visualizzazione dei commenti e clicca "Save settings" per attivarlo.

solo genoa

un saluto a tutti.è una vita che non scrivo,io vorrei giàragionare in chiave futura visto che 71 non terrà sicuramente il balla ...chi vorreste?un bbraccio citto...ora e sempre resistenza

io avrei voluto Terim ma ci

io avrei voluto Terim ma ci ha fregato Smile
ciao citto!

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo stile preferito per la visualizzazione dei commenti e clicca "Save settings" per attivarlo.